Home Page
Introduzione
I canti di Carnevale
Galleria fotografica
Links


Ascolta il brano Tiempo re Carnevale



TIEMPO RE CARNEVALE
(Testo e Musica di Alberto VIRGULTO)

Quann’č tiempo re Carnevale nui vulimmo pazziā
Viecchi juvani e sciancati tutt’insieme amma cantā
Na pazzia bella e fina avimma realizzā
A Cuntessa o Teresinella sadda preparā.

Rit.      Popolo, popolo, popolo mio Carnevale č ‘na pazzia,
                   Popolo, popolo, popolo mio quanta gioia quant’alleria.


Cu rispetto e devozione Carnevale č in processione,
cu ri Misi o’ ru ‘mbruglione damm’a tutti st’attrazione,
mentre o Monaco ‘mbruglione se manea ru cordone,
e ce dā la benedizione tenenno mano ru bastone.

Rit.

Ogni parola vale mo’ ch’č tiempo re Carnevale,
pigliamoci licenza fino a quanno avimmo udienza,
č jurnata d’alleria, ascimmo tutti miezo alla via,
mettimecio ncapo na parrucchella, jammo a pazziā cu Pullecenella.

Rit.

Mō ca festa č ormai fernuta ci pigliammo ri saluti,
la Quaresima longa e teseca sotto a’ fenesta mettimmo appesa,
chesta compagnia felice fa’ l’inchino e se ne vā,
l’anno prossimo se Dio vuole stammo nata vota ccā.

Rit.



RI MISI
(Anonimo)

Io so’ Caporanno e so’ Capo dell’anno
capo dell’anno chisto mese aspetto
la casa mia c’e’ compito tutto
chiunque vene ri rongo l’offerta
tu Pulcinella che sei il mio seguace
contami sti durici misi de’ la stagione
se cacche mese ‘nse apporta bene
pigliare io lo voglio co’ sto bastone.

(Pulcinella)  E si Caporanno mio e vui avite ragione
nui vulimmo nu poco pazziare
prima re Carnevale e dopo Carnevale
vulimmo ricere male de mammeta tia carnale.

(Caporanno)  E tu all’anema de Pullecenella
ma che malanno rici
maggiore se le’ portato la stagione
e viri Aprile cu ru fiore ‘nmano
faccio canta’ ru mese de Gennaio

Io so’ Gennaio de primo entraturo
nemico songo de’ ri putaturi
nisciuno juorno li faro’ putari
voglio castiga’ ri bestemmiatori
chi bestemmia ru nome de Gennaro
issi co’ la cappa e io co’ l’uscio
chi ro bestemmia ce lo manno nfruscio.

Io so’ Febbrarieglio e songo curto curto
e uerra voglio fa’ vintotto juorni
voglio piglia’ le donne co’ sta frusta
intorno, intorno le faro’ girare
voglio pria’ ru mese d’Austo
che acqua nun ne’ fa niscini juorno
ca si ru mese d’Austo mena secca
ru giardinieglio mio ce tira secca.

Io so’ Marzo e co’ la mia zappella
pagniuotti e puorri faccio ru riuno
ogni villano chisto mese aspetta
pe’ jetta’ li stracci e pellicciuni,
nun ve firate della mia fermezza
io faccio la mutanza de’ la luna
ora ve faccio ricchi e ora poveri
ora ve faccio ‘nfusi e ora asciutti.

Io so’ Abbrile co’ la l’apa spersa
vesto la terra e gli alberi all’agnura
ogni augello fa’ ru sio versetto
pe’ ne cupri’ muntagne co’ valluni
e ru speziale fa la sua ricetta
pe’ guadagna’ patacche e ducatoni
io so Abbile e so’ na giovanetta
a Maggio rong chisto ramaglietto.

Io so’ Maggio e so’ maggior di tutti
maggior di tutti quanti st’auti Mesi
d’oro e d’argento ri guarnisco tutti
pure ri ciucci stanno allegramente
sunate chitarre, viulini e ogni strumenti
pe’ fa’ sta’ lor signor allegramente
io me ne arto co’ le bone spese
riamanno’ nfore tutti st’auti mesi.

Io so’ Giugno co’ la mia sarreccia
ce meto quanno ve’ bona cicerchia
ru tengo no’ pignato de menesta
cu’ ‘sta cucciara rento ce spelleccio
e se avessi tra le mani chella vecchia
troncare la vurria co’ ‘sta sarrecchia!
Tutto all’intorno lo faro’ lu resto
co’ sessanta caraffe e la fiaschetta.

Io so’ Luglio co’ ru carro rutto
ru carro raggio rutto alla mačsa
ma tengo regne cene de bon frtto
seimila tommole ne farā sta meta
voglio caricā mo’ ch’č tempo asciutto
ca quanno č nfuso ce perdo le spese
e si stu carro non s’annence tutto
cantenne nce pozza i a la carrese.

Io so’ Austo co’ la malatia
ru mierico m’ha ordinato la supposta
tengo ‘na capa ncena de infermeria
ce vatteria co’ stu maglio ncoppa
l’aggio girate tutte ste speziarie
pe’ reverenzia della faccia vosta
pe’ me guari’ de chesta malatia
ce vo’ brodo de gallina ogni matina.

Io so’ Settembre co’ la fico moscia;
l’uva muscarella se fernisce!
Si cacche donna avesse la paposcia
vaco pe’ ntuppa’ e passo liscio
quanno sentite stati cajuotoli
le fico mie a quattro a ruotoli
po’ ve’ nu juorno ca m’abbio pe’ mbuscā
pe’ mania’ per coche e mele lisce.

Io so’ Ottobre co’ li belli frutti
ri frutti miei so’ ri piu’ soprani
c’č l’uva fresca che fornisco a tutti
ru povero, ru ricco e ru villano
l’aggio cini giā tutti ri fusti
pe’ fa’ cantā Tedeschi e Taliani;
addereto ci aggio posto dui cannuti
pe’ dispetto de mierici e speziali.

Io so’ Novembre co’ la semmenatura
l’ho semmenata justa la sementa,
l’ho semmenata da bona stagione
pe’ fa’ sta’ ri padruni allegramente;
‘mo m’abbisogna ‘nu lavoratore
nato che me mantene la jummenta
chesto lo meno a bui e a gli augelli
chesto lo meno a cheste donne belle!

Io so’ Dicembre, l’ultimo dei Mesi
la scolatura di chist’auti mesi
ru tengo no pignaato de menesta
‘stu purcigliuccio ch’aggio acciso auanno
‘mo me voglio abbiā pe’ ri miei fusti,
pe’ vere’ se c’č vino pe’ chist’auti Mesi,
tengo ‘na votte cena re tardisco,
tengo mogliera bella e lietto frisco.

Io so’ ru mese ca’ steve annascuso
v’aggio portato chesta pianta de rosa,
a voi signori ve ne chiedo scusa
prima che fiorisca io me la sposo
e vengo da lontano, ce vengo tutto nfuso,
a voi signori cerco qualche cosa
io faccio trasi e jesci ‘a ru pertuso
pe’ arracqua’ sta pianta ‘e chesta rosa.



TERESINELLA
(Anonimo)

(Donna)

Senza che passi e spassi,
da sotto a stu palazzo,
tu tieni ‘a capa pazza,
e nun si fatto pe’ mme.

(Uomo)
Teresinella le trea so’ passate,
stonco ca’ foro me gelo e me moro,
Teresinella le trea so’ passate,
stonco ca’ foro me gelo e me moro,

(Donna)
ti puoi gelare,
ti puoi morire,
se’ nun songo le quattro,
nun te vengo ‘a rapi’

ti puoi gelare,
ti puoi morire,
se’ nun songo le quattro,
nun te vengo ‘a rapi’

(Uomo)
Teresinella le quattro so’ passate,
stonco ca’ foro me gelo e me moro,
Teresinella le quattro so’ passate,
stonco ca’ foro me gelo e me moro,

(sempre cosė fino e alle 10)

(Donna)
Non ti gelare non ti morire,
ca mo scenno abbascio e
te vengo ‘a rapė.
Non ti gelare non ti morire,
ca mo scenno abbascio e
te vengo ‘a rapė.

(Giro di valzer e la farsa č finita)



RU MBRUGLIONE
(Anonimo)

Pensanno ch’oggi ‘a legge nun č legge
‘o munno se mantene cu a cuccagna,
pensanno ca chi mbroglia beve e magna,
io pur’ m’aggia mettere a nbruglia’.

Ritornello:  e quanno ‘o portafoglio s’č fatto buono chino,
                             e l’epoca č troppa triste e nun se po’ chių campā,
                 e vuie giā o sapite cā ‘o munno accussė vā,
                     mbrugliava papā mio e pur’io aggiā mbrugliā
la,la,la,la,………                                                                            

A jere maggio fatta ‘a capasciassa,
nu pare č vanti gialli e nu bastone,
a faccia mia se presta a fa ru mbruglione,
č chesta n’arte leggia e a voglio fa!

Ritornello:  e quanno ‘o portafoglio ……….                            
la,la,la,la,………                                                                            

Nun appizzate l’uocchi ninne belle,
ca io maggia nzura’ fore e quartieri,
addo’ me sannao ca so’ cavaliere,
e qualche dote io posso ricav.

Ritornello:  e quanno ‘o portafoglio ……….                            
la,la,la,la,………                                                            

Home Page
Introduzione
I canti di Carnevale
Galleria fotografica
Links
powered by: AURUNCAnet